Metodo

Enologia

Emiliano Falsini offre direttamente e in collaborazione con riconosciuti professionisti di grande affidabilità i seguenti servizi:

  • Assistenza nella progettazione ed allestimento delle cantine
  • Assistenza nella scelta delle attrezzature di cantina
  • Procedure di Vinificazione specifiche
  • Controllo analitico dei mosti e dei vini
  • Assistenza durante l’affinamento dei vini con visite ed assaggi periodici in azienda
  • Assistenza per la fase di imbottigliamento e preparazione del vino per la messa in bottiglia
  • Definizione dello stile aziendale
  • Analisi del brand aziendale e dello stile migliore da adottare
Emiliano Falsini - Enologia
Emiliano Falsini - Viticoltura

Viticoltura

Emiliano Falsini offre direttamente e in collaborazione con riconosciuti professionisti di grande affidabilità i seguenti servizi:

  • Definizione varietale dei nuovi impianti in funzione delle caratteristiche pedoclimatiche e degli obiettivi enologici
  • Studio e progettazione di nuovi impianti viticoli
  • Analisi del potenziale viticolo aziendale esistente
  • Assistenza durante la potatura invernale e gestione della chioma
  • Assistenza per la difesa fitopatologica
  • Selezione del materiale genetico aziendale per eventuale propagazione
quote

Privilegiare l’eleganza, la pulizia e la riconoscibilità.

Rispetto del naturale
equilibrio

Non utilizzo mai una tecnica unica, ma una combinazione di varie tecniche: oltre a basarmi sul territorio e sul vitigno ho sempre in mente l’obiettivo che voglio raggiungere e lo stile aziendale dei vini.

Il mio approccio mira a evitare i luoghi comuni ed in certi casi a liberarsi da concetti precostituiti che in molti casi sono frutto di protocolli standardizzati e che tendono all’omologazione dei prodotti.

Il vino deve essere espressione della tipicità specifica del luogo di appartenenza: in molti casi per esaltarne l’unicità è necessario un approccio non conforme e lontano dagli standard comuni.

Fin dalle mie prime esperienze ho cercato di sviluppare un approccio stimolante, spesso basato sull’intuizione e sulla voglia di sperimentare tecniche naturali diverse, molto lontane dall’idea che il vino sia solo chimica e scienza, per poter arrivare ad un vino con un’identità davvero unica, in cui privilegiare l’eleganza, la pulizia e la riconoscibilità.

È solo giocando sul filo sottile di questo equilibrio fragile che è possibile per il vino rivelare la vera identità territoriale e del vitigno.

Le uve sono in grado di comunicare la ricchezza e la diversità dei terroir in cui vengono coltivate, ed è questa ricchezza e questa diversità che hanno sempre contraddistinto il vino nella storia e che oggi io desidero ricercare in ogni mio progetto.

quote

…spesso è come il montaggio di un puzzle in cui ogni
singola tessera rappresenta una componente che deve
essere salvaguardata e valorizzata.

Valorizzazione
delle differenze

Il mio obiettivo è migliorare costantemente i vini guidando i produttori attraverso un percorso di crescita, sperimentazione e ricerca della qualità assoluta che li possa portare al massimo risultato.

Per identificarsi con qualcosa di diverso e buono ed esaltare le differenze occorre spesso liberarsi da schemi e preconcetti ed avere anche l’ambizione di creare qualcosa di assolutamente unico. Per questo motivo non esito a utilizzare metodi imparati in altre regioni o concetti propri di alcune zone che poi si rivelano vincenti anche in realtà diverse, e lavorare utilizzando specifiche metodologie in funzione del vitigno e del singolo Cru.

La mia enologia è spesso molto intuitiva e volta sempre a salvaguardare le differenze che esistono e che devono essere esaltate attraverso un lavoro di selezione. Prediligo un sistema di parcellizzazione aziendale, in cui il primo passaggio è la mappatura dei vigneti, la loro scoperta e la comprensione dei quali possono essere le caratteristiche e le identità proprie di quel singolo appezzamento.

Il lavoro enologico, spesso, è come il montaggio di un puzzle in cui ogni singola tessera rappresenta una componente che deve essere salvaguardata e attentamente valorizzata per avere la giusta rappresentazione del vino che vogliamo produrre.

Emiliano Falsini - Assaggio degli acini

Assaggio
degli acini

La degustazione e l’osservazione delle uve è un punto di riferimento fondamentale nel decidere con precisione non solo la data ideale per la raccolta, ma anche la successiva gestione delle uve raccolte durante la vinificazione.

Credo molto in questa metodologia che abbinata al monitoraggio del vigneto e alle analisi analitiche porta a operare nel miglior modo possibile in cantina, esaltando la massima espressione varietale e le caratteristiche proprie del terroir.

E’ una tecnica basata sulla sensibilità e sull’abilità degustativa che utilizzo per tutta la fase di maturazione del frutto per decidere la raccolta e la tecnica migliore da utilizzare. Le degustazione offre grande precisione ed il continuo monitoraggio degli appezzamenti ha lo scopo di avere sotto controllo l’intero vigneto.